Eruzione del Vesuvio: 24 Agosto - 79 A.C.

Eruzione del Vesuvio: 24 Agosto - 79 A.C.

Le località site intorno intono al golfo di Napoli sono state celebrate  fin dall’antichità per la loro bellezza. Ai tempi dell’Impero Romano la limpidezza del cielo e i magnifici panorami invogliarono  molti ricchi romani a costruirvi le loro “ville”. Le antiche e ricche città di Pompei ed Ercolano e la più appartata  e tranquilla cittadina di Stabia  erano circondate da ricche residenze estive. Nell’agosto del 79 a. C. tutte queste città furono distrutte  e tutta l’area circostante divenne una landa  desolata per l’eruzione del Vesuvio.
Il mattino del 24 agosto  il Vesuvio comincio all’improvviso ad eruttare vapori, gas, lave e fuoco. Iniziò quindi una pioggia di pomici seguita quindi da un torrente di ceneri bianche. Per quasi due giorni la cenere cadde come se fosse  neve e seppellì le città stesse.
La più "famosa" vittima dell’eruzione fu Plinio  il Vecchio  che allora era il comandante della flotta romana di stanza a Miseno che cercò inutilmente di portare aiuto con le navi a Stabia, ma  mori egli stesso nel tentativo.
Quando il fungo di cenere si diradò non si vide altro che devastazione...
Le prosperose città di Pompei ed Ercolano non furono  piu ricostruite e di esse nei secoli successivi  si perse perfino il ricordo. Solo all’inizio del ‘700 durante uno scavo occasionale venne fuori una statua di marmo di Ercolano.  Le autorità  fecero eseguire immediatamente  nuovi scavi e portarono alla luce tutti gli oggetti di valore.
Da allora gli scavi non si sono mai interrotti, fino ai nostri giorni.
Oggi queste città ci parlano della vita quotidiana dei romani . Il visitatore può passeggiare tra le file delle botteghe, e delle case, lungo le vie che portano ancora incise le orme dei zoccoli dei cavalli e  i solchi delle ruote dei carri sulla pavimentazione stradale. Sui muri può ancora leggere  le scritte degli studenti, le pubblicità dei negozi e dei giochi dei gladiatori, gli avvisi delle  elezioni scarabocchiati in fiammeggianti lettere rosse.
Sono egualmente  mostrate sia  la vita pubblica che quella privata.
Migliaia di oggetti trovati negli scavi sono conservati al Museo nazionale di Napoli:in esso sono conservati pitture, statue, specchi  , monete anche penne e inchiostri.  

Stai cercando le tariffe del 2020? Contattaci
This website uses cookies: if you continue using our website, we'll assume you agree to receive all cookies from this website.OK